Certo che a volte capita.

Capita l’altro giorno, che per una strana successione di eventi, vengo incaricata di svolgere un ruolo -a dir poco- ufficiale.
Una situazione presidenziale.
O al massimo da commerciale, non di certo, da responsabile amministrativa/grafica/cambia rotoli/ordina acqua.

E così mi ritrovo in questa sala demo con due clienti di alto livello.
Ma che dico, di altissimo livello: questi vengono dalla City. Milano of course.
Due persone distinte ma assolutamente gentili. Velatamente scherzose, come se ti servissero le loro battute impachettate con carta regalo Gucci.

Ed è stato in quel preciso istante, esattamente in quel momento, quando ho capito di potercela fare e che loro gradivano il mio intervento, anzi si rivolgevano a me con assoluto rispetto, beh è stato in quel momento, che ho capito quanto amo il mio lavoro.
Non il genere di lavoro, ma la mia azienda, la fiducia che mi viene data e il rispetto.

Strano a dirsi, ma mi piace più ora che quando sono entrata.

E’ stato bellissimo.

Per un momento mi son vista veramente professionale.
Non la solita sgangherata ragazzotta in jeans e All Star che parla a sproposito e come uno scaricatore di Porto [il vino].

Ovviamente tutto si è un po’ smontato quando ho letto la mail della mia amica Elisa – che si è trasferita a Dublino da un mese – e che mi raccontava di aver trovato lavoro.
Fantastico, penso.
Ha trovato come cameriera in una pizzeria.
Eccezionale, ripenso.
Italiana e in Temple Bar.
Ma è una cosa grandiosissima, direi di aggiungere.
Prende 1.500 euro al mese più mance – che là sono molto più generose.

Oh. Che. Cazzo. Penso seriamente.

Che vita.
Fortuna che esiste Prezzemolo.

[Se andassi a fare la cameriera a Dublino, potrei certamente restate in All Star. E non dovrei impacchettarmi di eleganza tutti i giorni… e poi prenderei molto di più. E imparerei l’inglese. Perchè sono ancora qui?]

Annunci

5 pensieri su “Certo che a volte capita.

  1. Ami ha detto:

    Bellissima Gardaland!
    Ho voglia di tornarci!
    Se ti piace il lavoro della cameriera e ti senti più realizzata parti anche tu per Dublino che è bellissima e ci sono stato tante volte perchè è la città di origine di Patrick e Grace.
    Il cugino di Patrick è il proprietario di un pub che gestisce con la moglie.
    Bacioni :-********

  2. La collega di là. ha detto:

    Be’ un mio amico carissimo (nonchè exexexfidanzato) ha spostato il suo studio grafico ad Amburgo.
    Quando mi chiama via Skype e mi racconta che gli basta vendere un pacchetto di biglietti da visita da 500pz per arrivare a 800 euri mi vengono le traveggole e tento lo svenimento.
    Senza aggiungere che racconta di come la vita sia figa lì, di quanti divertimenti etc etc.
    E io che resto giacobetta a novecentocinquantaeurimensili pure se faccio tre pacchi al mese di biglietti da cinquecento (da visita of course).
    A trentotto euri italiani al pacco ahivoglia a lavorare.
    MPF!
    Cmq va tutto bene qui.
    E sono felice per ciò che sai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...