Io sto con te perchè sei diversa.

“È il tempo che si è perduto per una persona a determinare la sua importanza”

— Antoine de Saint-Exupéry

All’alba dei miei 27 anni, mi ritrovo a stimare le persone un po’ folli.
Non quelle da rinchiudere al Cotolengo.
No.
Parlo di quelle persone che conservano sempre quella punta di ingenuità infantile nello sguardo. Quelle persone alle quali brillano gli occhi davanti a qualcosa di bello. E che trovano del bello in tutto e tutti. O quasi.
Quelle persone che sono lì. Davanti a te.
Tu pensi che -magari- siano concentrate su qualcosa di serio.
Invece all’improvviso, poi, fanno qualcosa di buffo.
Come buttarsi all’indietro sulla neve per sentire se è morbida.
E tu rimani lì.
Lì davanti a loro.
Le guardi e sorridi. Di cuore.
Come l’altra sera, martedì. Ad allenamento.
E -a me- quelle persone lì, fanno venire in mente l’estate.
Persone che hanno l’estate nello sguardo.
Il sole stampato in faccia.
Persone che sanno tirare fuori il meglio di te.
Persone che sanno farti dimenticare che sei all’alba dei 27 anni.

E l’altra sera, beh io l’altra sera, su quel campo innevato e ghiacciato, ho sentito l’estate. Cioè ho sentito il suo arrivo.
Come quando sta arrivando la primavera e c’è l’aria che ha quella consistenza strana. E quel profumo. E ti senti tutto uno sconbussolamento dentro. Giù nello stomaco.

Come se tutto fosse sospeso.
Come se tutto potesse accadere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...